La guerra: dal romanticismo al cinismo cosmico, passando per Brecht.


Ricevo dall' amica attrice e regista Monica Bonomi le informazioni di un interessante laboratorio tetrale che comincerà in novembre:






.
.
.Artemisia Cicco Simonetta presenta:


La guerra: dal romanticismo al cinismo cosmico, passando per Brecht.

Laboratorio teatrale, condotto da Monica Bonomi, indirizzato a tutti coloro che abbiano già fatto quattro passi nel teatro.
Appuntamenti settimanali dal 19 novembre al 20 maggio, ogni mercoledì dalle 20.00 alle 23.00 esclusi festivi.

-------

Attraverso un percorso di studio che prende spunto dalla narrazione romantica di Heinrich Von
Kleist, dal racconto brechtiano, dall’incastro cabarettistico dell’attesa beckettiana, nel concerto
d’emozioni e tecnica, il laboratorio si prefigge un percorso di studio di testi teatrali di autori che hanno in comune la ribellione espressiva, uno sguardo armato di scettica avversione verso le leggi umane, la morale sociale, il senso della vita, in un meccanismo marionettistico, dettato dall’azione, in convulsa ricerca di una felicità sognata e agognata, che come una trappola, arriva rapida e poi fugge. I testi di tre autori che raccontano il percorso, dalla giovinezza alla vecchiaia, dell’umanità e del progresso occidentale, fino a vederla spappolarsi contro la superficie delle cose, dove amore, religione, dolore e gioia, si trasformano in trappole mnemoniche dentro un registratore magnetico.
Al centro, il volto della guerra: in Von Kleist quello dei comportamenti militari che vanno a scontrarsi con gli ideali di umanità e pace, in Brecht, nel refolo hitleriano, quello che rende i civili vili e le donne sole, infine in Beckett, quello del solipsismo dopo la bomba atomica, quando la terra sembra “disabitata”.

Nella volontà di affrontare il lavoro attraverso fasi didattiche sia legate a improvvisazioni, che a lavoro a tavolino sui testi presi in esame, il laboratorio ha l’obiettivo di affrontare lo studio dei personaggi prima di tutto attraverso l’azione scenica . Poiché nella tensione emotiva tra corpo e parola nasce il linguaggio del teatro, ovvero la sua musica, scopo ultimo del laboratorio sarà la messinscena. L’insegnante si riserverà di decidere, in base alla risposta del gruppo, se il debutto del laboratorio dovrà focalizzarsi o meno sui tre testi. Questo studio intende dare voce a un acceso coinvolgimento dei partecipanti, che avranno libertà espressiva e la possibilità di elaborare, autonomamente, spunti nati dagli esercizi e dalle riflessioni condivise.
Affinare il “metodo”, sarà la base su cui poggerà il laboratorio, ovvero imparare a sposare la parola al corpo, al fine di elevarsi verso un piano di credibilità oggettiva.
Presentarsi alla prima lezione con un monologo a memoria imparato da uno dei testi assegnati e vestiti comodi.

Durante i mesi di preparazione, nello stesso spazio dove si terrà il laboratorio, sono previsti momenti di prova aperta al pubblico.


Le Fasi:Lavoro di riscaldamento fisico e vocale
Studio dei testi; improvvisazioni, monologhi, piccole messinscene curate dagli allievi e portate alla visione dell’insegnante
Lavoro di gruppo drammaturgico ispirato ai testi presi in esame
Messinscena finale

Testi da studiare:
Il Principe di Homburg di Heinrich Von Kleist
Il cerchio di gesso del Caucaso di Bertolt Brecht
L’ultimo nastro di Krapp di Beckett

-------

Monica Bonomi

Diplomata al Corso attori nel 1993 presso la Civica scuola d’arte drammatica Paolo Grassi di Milano, insegna recitazione dal 1994. E’ attrice, drammaturga e regista. Gli spettacoli in scena nel 2008: Lamore, scritto e diretto da M. Bonomi, Emergenza Colf di M. Bonomi regia L. Maniscotti, La via di una scimmia di F. Kafka regia G. Sansone, Blanche e Jane progetto e regia M. Pagliarecci, Le nozze dei Piccolo borghesi di B. Brecht regia C. D’Elia.

-------

Il laboratorio si terrà presso
Artemisia Cicco Simonetta via Cicco Simonetta, 16.

Per i partecipanti, qualora non l’avessero, è obbligatoria la tessera Arci dell’anno in corso.

Il costo delle tessere sia del 2008, che del 2009 sarà di 15 euro.
Per la sola tessera 2009, il costo sarà di 10 euro.

Costo del laboratorio:
560 euro da pagarsi in due rate: la prima di 240 euro da saldare al momento
dell’iscrizione, la seconda, di 320 euro, da saldare entro la prima settimana di dicembre.
Dal costo del laboratorio è escluso l’eventuale affitto di uno spazio esterno per la messinscena
finale del laboratorio.

In ogni caso la quota partecipativa di tale affitto, verrà concordata con gli allievi anzitempo.

Per informazioni e iscrizioni rivolgersi al numero 338-3472524 dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20
oppure scrivete a:
valentina.grancini@libero.it oppure artemisiamusiacaeteatro@fastwebnet.it